c/o Edizioni UNIONE – Via Flaminia 185/B – 47900 Rimini (RN)
Tel. 0541 630063 – Fax 0541 630064 – www.novalis.it
HOME
Fausto Carpani
Al Pånt dla Biånnda

A Bologna, in zona Cà Bûra, c’è un bel ponticello in mattoni che scavalca il canale Navile. Sulle antiche mappe è segnalato come Ponte Nuovo ma è popolarmente detto Ponte della bionda, perchè pare che in tempi lontani ivi sostasse in attesa di clienti una signora biondochiomata. Per quanto ne so è l’unico ponte a schiena d’asino presente nel territorio comunale ed è anche molto antico. Si può addirittura ipotizzare che sia stato costruito dal Vignola (Jacopo Barozzi, sec. XVI), se è vero che l’architetto che progettò i Banchi di Piazza Maggiore lavorò anche alla nostra antica via d’acqua.
Ponte della Bionda Nonostante l’incuria degli uomini e le insidie del tempo, il Ponte della Bionda è ancora lì, un po’ malmesso ma resiste con ancora la sua bella salghè di sassi di fiume. Su quel ponticello son transitati per secoli i cavalli e i buoi che tiravano verso la città le barche che risalivano la corrente del canale con il loro carico di grano, sale, riso, merci varie e anche personaggi famosi.
Per scongiurare una ormai possibile e definitiva rovina del nostro ponticello, nella mia infinita dabbenaggine ho provato a sensibilizzare enti locali, quotidiani, assessorati, ecc. senza approdare a nulla, fino al giorno in cui la Fondazione del Monte decise di prendere a cuore la cosa.
L’ho voluto ricordare sommessamente con questa canzone, quando era un magnifico posto dove andare all’erba (intendendo con ciò non la raccolta di vegetali commestibili ma qualcos’altro ...).
Dov’è il Ponte della Bionda ? Ma si, ve lo dico: imboccate via dei Terraioli dalla via Cristoforo Colombo. Prima di attraversare il ponte sul Navile guardate a destra ed eccolo lì, al Pånt dla Biånnda.

Al Pånt dla Biånnda

T arcôrdet cla sîra Mariénna,
al vänt ch’al żughèva stra l cân,
t avèv par cusén la stanlénna
e indôs al lusåur di vént ân.
T arcôrdet la lónna che blazza,
l udåur ch’vgnèva só dal canèl,
in st mänter ch’a t dsfèva la trazza
in zîl i tarmèven äl strèl.
In cla nôt i ranûc’ i parèven cantèr
e a cantèva felîz anca mé.
Pr una vôlta Mariénna am piasrêv ed turnèr
là żå al Pånt dla Biånnda con té.
Quanta ed cl’âcua Mariénna l’é andè vêrs al mèr,
quant ed chi ân i én pasè da chi dé.
Ogni nòt a m insónni Mariénna ed turnèr
là żå al Pånt dla Biånnda con té.
A sån arturnè in cla cavdâgna
che adès l’é tajè da una strè,
an i é pió l udåur dl’êrba spâgna
e al pånt l é oramâi mèż crulè.
T arcôrdet cla sîra Mariénna,
al vänt ch’al żughèva stra l cân,
t avèv par cusén la stanlénna
e indòs al lusåur di vént ân.

Il ponte della Bionda

Ricordi quella sera, Maria,
il vento giocava tra le canne,
avevi per cuscino la sottana
e indosso lo splendore dei vent’anni.
Ricordi quella luna che bellezza,
quell’odore che saliva dal canale,
mentre ti scioglievo la treccia
in cielo tremavano le stelle.
I ranocchi quella notte parevano cantare
e cantavo felice anch’io.
Per una volta, Maria, vorrei ritornare
laggiù al Ponte della Bionda con te.
Quant’acqua, Maria, è andata verso il mare,
quanti anni son passati da quei giorni.
Ogni notte sogno, Maria, di tornare
laggiù al Ponte della Bionda con te.
Sono ritornato su quel sentiero
che adesso è tagliato da una strada,
non c’è più l’odor di erba spagna
e il ponte è ormai mezzo crollato.
Ricordi quella sera, Maria,
il vento che giocava tra le canne,
avevi per cuscino la sottana
e indosso lo splendore dei vent’anni.

Torna alla pagina precedente

© 2005 E.F.G. Edizioni Musicali