c/o Edizioni UNIONE Via Flaminia 185/B 47900 Rimini (RN)
Tel. 0541 630063 Fax 0541 630064 www.novalis.it
HOME
Fausto Carpani
Batéssta al ciapinéssta

            Vi sono persone che sanno riparare di tutto. Hanno, come si dice, due mani d’oro. Per contro ve ne sono altre che, credendosi di essere degli Archimedi Pitagorici, smontano qualunque aggeggio gli capiti a tiro facendo solo danni. Averne in condominio uno è altamente pericoloso ... E’ stato pensando ad alcuni di questi che mi è venuta l’idea della canzone e il nostro Battista è la quintessenza del ciapinista (letteralmente colui che esegue piccoli lavori, i ciapìni appunto).
            Ho voluto inserire nel testo una tipica espressione che ho sempre sentito in bocca agli idraulici: pèrsita. Un fontaniere di razza, in presenza di una fuoriuscita di acqua dalle tubazioni, non dirà mai “Qui c’è una perdita”, ma sentenzierà: “Qui c’è una pèrsita”.

Batéssta al ciapinéssta      

Batéssta al ciapinéssta,
al rà dal “fai da te”,
al vlèva fèr al drèg
mo l êra såul un pôvr insmé.
Se un quèl s runpèva in cà
al le smuntèva acsé in s dû pî
e sóbbit al dvintèva tótta ròba da trèr vî.
Par tótt al cunduménni
l êra una gran siagûra
parché l andèva a nòz
quando che c’era una rottura:
“Mochè chiamar l’idraulico,
son qui, ci sono me,
per rimediar da tecnico la pèrsita che c’è!
“Mo lâsa stèr, tén só cäl man
csa vût mâi fèr pôver zidrån ... “
In men che non si dica,
biastmànd cme un adané,
dåpp dû minûd tótti äl cantén i s êren alaghè.
Dåpp avair fât na vîsita
conpleta e regolèr
ai fó diagnostichè
ch’l avèva un’êrgna da operèr
“Moché moché ricovero
- Batéssta al déss acsé –
è un intervento facile
e me lo faccio me!
“Và bän al sbdèl, brîsa risghèr –
t at pû fèr mèl, dâi, lâsa andèr!”
Ai véns un’ambulanza
ciamè da un vsén ed cà:
al s êra avêrt la panza
l êra ormâi pió d là che d zà.
L avèva anc una Prinz
ed quèsi quarant’ân,
ch’la psèva fèr figûra
såul in mèz a di rutâm.
“Moché moché meccanico,
i frêno a m i fâg mé!
L é sänper un arsprèmi
anc s’ai vôl un dåppmezdé!”
“Và là fanâtic, lâset cunsièr,
và dal mecânic, brîsa pruvèr!”
L andé a fèr al collaudo
in una strè ed canpâgna
mo i frêno i fénn cilecca
e l andé a arèr un canp ed spâgna!
L avèva un frîgo vèc,
un quèl ormâi andè
ch’al fèva quèsi chèld
e col spurtèl ingalunè:
“Moché chiamare un tecnico!
I én góbbi strasinè:
è colpa del termostato,
e adès ci penso mè!”.
Bèda Batstén d an fèr di dân,
l é un giazarén ch’l ha quarant’ân!
Al s fé srèr int al frîgo,
par psair méi controlèr
csa i êra int la manégglia
ch’an la fèva mâi scatèr.
Un dé såtta Nadèl
al têrmo al se smurzé
e al gé con sô mujêr:
“Té stà trancuélla ch’a i päns mé!
Moché chiamate urgenti,
a fâg int un mumänt
e prémma ch’véggna sîra
l andarà al riscaldamänt!”.
Và là Batéssta, ciamän un tècnic
un spezialéssta, té t î pôc prâtic.
Par smuntèr la caldèra
a li mité dis åur
e quand ai dé la målla
al salté pr âria al brusadåur.
La derelitta moglie
che chiamasi Cesîra
magnànd un mèz pulâster
si ruppe la dintîra.
“Moché l’odontotecnico,
Cesîra, son qui mè:
ti ridarò il piacere
di biasare anche il purè!”
“O Dio, Batéssta – t am fè murîr –
ai é al dintéssta – a n vói padîr!”
Con un fîl d fèr al fé
l’azónta ala dintîra
mo dåpp a quâter dé
la fé la rózzen la Cesîra.
Quando Battista morse
supplito da una frana
nel mentre che cercava
il petrolio a Medelana,
tótt i sû amîg si dolsero
per questa dipartita
e mesti salutarono
la fine di sua vita.
L êra da dîr – ch’finèva acsé –
l ha tgnó murîr – col fai da te.
Da dentro al carro funebre
as sinté dîr acsé:
“Moché moché necrofori,
la bûsa a m la fâg mé!”

Battista il ciapinista

Battista il ciapinista,
il re del “fai da te”,
voleva fare il drago
ma era solo un rimbambito.
Se qualcosa si rompeva in casa,
la smontava su due piedi
e subito diventava roba da buttare.
Per il condominio
era una gran sciagura
perchè era felice
quando c’era una rottura:
“Macchè chiamar l’idraulico,
son qui, ci sono io,
per rimediar da tecnico la perdita che c’é!”
“Ma lascia stare, tieni sù le mani,
cosa vuoi fare povero cetriolo?”.
In men che non si dica,
bestemmiando come un dannato,
dopo due minuti le cantine erano allagate.
Dopo aver fatto una visita
completa e regolare
gli fu diagnosticato
che aveva un’ernia da operare.
“Macchè macchè ricovero
- disse Battista –
è un intervento facile
e me lo faccio da solo!”
“Vai all’ospedale, non rischiare,
ti puoi far male, dai lascia andare!”
Venne un’ambulanza
chiamata da un vicino di casa:
si era aperto la pancia
ed era ormai più di là che di qua.
Aveva anche una Prinz
di quasi quarant’anni
che poteva far figura
solo in mezzo a dei rottami.
“Macchè meccanico,
i freni li aggiusto io!
E’ sempre un risparmio
anche se mi vuole un pomeriggio!”
“Va là fanatico, lasciati consigliare,
vai dal meccanico, non provare!”
Andò a fare il collaudo
in una strada di campagna
ma i freni fecero cilecca
 e arò un campo di erba medica.
Aveva un frigo vecchio,
una cosa ormai inutile,
che faceva quasi caldo
e con lo sportello che non chiudeva bene:
“Macchè chiamare un tecnico,
son soldi sciupati,
è colpa del termostato,
e adesso ci penso io!”
“Bada Battista di non far danni,
è un frigo che ha quarant’anni!”
Si fece chiudere nel frigo per poter controllare.
cosa c’era nella maniglia
che non la faceva scattare.
Un giorno sotto Natale
il termo si spense
e disse alla moglie:
“Stai tranquilla che ci penso io.
Macchè chiamate urgenti,
faccio in un momento
e prima di sera
funzionerà il riscaldamento!”
“Va’ là Battista, chiamiamo un tecnico
uno specialista: tu sei poco pratico”.
Per smontare la caldaia
impiegò dieci ore
e quando l’accese
esplose il bruciatore.
La derelitta moglie
che chiamasi Cesira,
mangiando un mezzo pollo
si ruppe la dentiera.
“Macchè l’odontotecnico,
Cesira, ci sono io,
ti ridarò il piacere
di masticare anche il purè!”
“O Dio, Battista, mi fai morire,
c’è il dentista, non voglio patire!”
Con filo di ferro fece
un’aggiunta alla dentiera,
ma dopo quattro giorni
si arruginì la Cesira.
Quando Battista morì
seppellito da una frana
mentre cercava
il petrolio a Medelana,
tutti gli amici si dolsero
per questa dipartita
e mesti salutarono
la fine di sua vita.
“Era da prevedere che finiva così.
Ha dovuto morire col fai da te.”
Da dentro al carro funebre
si sentì dir così:
“Macchè necrofori,
la fossa me la faccio io!”

Torna alla pagina precedente

Torna su


© 2005 E.F.G. Edizioni Musicali