c/o Edizioni UNIONE – Via Flaminia 185/B – 47900 Rimini (RN)
Tel. 0541 630063 – Fax 0541 630064 – www.novalis.it
HOME
Fausto Carpani
Buenos Aires

Il Rio del la Plata altro non è che l’enorme foce del Rio Paranà, larga 240 chilometri, tanto da sembrare un mare.
Sulla sua riva destra sorge Buenos Aires, capitale dell’Argentina, mentre sulla riva opposta c’è Montevideo, capitale dell’Uruguay (mete di un nostro tour musicale).
Baires, come la chiamano i suoi abitanti, è una enorme città (più di 11 milioni di abitanti) dal sapore europeo e ricorda Parigi.
E’ – si – una megalopoli, ma non spersonalizzante e angosciosa come certe consorelle brasiliane.
E’ una città il cui ricordo ti prende dopo, quando ne sei lontano.
Polo mondiale di musica e di arte, il tango ne rappresenta l’espressione più appariscente e lo trovi dappertutto:
nelle strade del quartiere di San Telmo, in televisione, nei locali notturni. Ti cattura e ti ammalia e finisci per comprendere il mito di Carlos Gardèl, cantante, attore e musicista scomparso nel 1935, ma ben vivo e presente nel cuore degli argentini, al punto che la sua tomba è meta di continui pellegrinaggi. Come anche quella di Evita Peron, all’indomani della cui morte vi fu una proposta di beatificazione da parte del clero argentino.
Il quartiere di Boca (dove ha sede il famoso Boca Juniors di Maradona), fu così chiamato dagli emigranti genovesi che lo fondarono nel secolo scorso. Costellato di case in lamiera ondulata, costruite dagli stessi, quelle povere abitazioni son divenute quasi un monumento nazionale, soprattutto quelle adiacenti al famoso Caminito (sentiero) , che periodicamente vengono ridipinte a spese della minicipalità. Questo Caminito è però un falso ad uso dei turisti, poichè Gabino Corìa Peñaloza, autore del testo della celeberrima canzone, nata come poesia, si riferiva ad un sentiero del suo paesello natale.
Una intensa commozione la si prova nella tristemente famosa Plaza del Mayo, antistante la Casa Rosada. Madri, mogli e sorelle degli oltre 30.000 desaparecidos, assassinati sotto alla dittatura del generale Vidèla, ancora si danno appuntamento settimanalmente in questa piazza, il fazzoletto bianco sul capo, per ottenere giustizia, dal momento che i responsabili della morte dei loro congiunti, nonostante il ritorno della democrazia, sono ancora liberi. La canzone è una sintesi di emozioni, impressioni, ricordi di questa città.

Buenos Aires

Am artåurna in amänt una mûsica dåulz e una våus asasénna,
con i zîg di viulén e dal bandoneón int na nòt argenténna,
un’urchèstra fantèsma int na nóvvla ed tabâc la sunèva d arpiât,
balarén ch’i parêven vulèr svêlt e alzîr cme di gât.
Con la brèsa dla cécca che ormâi la m brusèva dåu dîda,
ascultèva cla våus ch’la cantèva “Buenos Aires querida”.
Una canta d amåur e pasiån,
una spêzie d na dichiaraziån,
acsé bèla an l’à scrétta mâi inción
e al rujèva cal bandoneón.
Buenos Aires prufómm ed Parîgi lóng al Rio de la Plata,
bèla dòna con na schèrpa ed varnîs e una vècia zavâta.
Caminito l é såul na tumlè par chi vén da luntàn
e Gardel al cunténnua a incantèr coi sû sguèrd ed pasiån.
Cäl mamà sänpr in Plaza de Mayo a pretànnder giustézzia,
pôvri dòn dvintè vèci int l asptèr såul un strâz ed nutézzia;
fazulétt pr arcurdèr a tótt quant ch’an artåurna pió inción
e al pèr quèsi zighèr anca ló un bandoneón.
I binèri d un trêno sparé ch’i purtèven al’âcua,
una bèrca ruznänta l’aspèta ed murîr ala Boca,
un presèpi ed caslàtt in lamîra ch’i pèren un schêrz
óss e fnèster avêrti par sbâli, i én tótt ed sbalêrz.
A San Telmo i sû tango i s i bâlen in mèz a un crusèl,
con däl fâz da legêra ch’i én bón da druvèr un curtèl.
Balarén coi cavî inpatachè,
col capèl e col ftièri righè,
i s astrécchen par tótt i cantón
e ai é sänper un bandoneón.
Buenos Aires s inspècia ridànd int al Rio de la Plata
e la zänt la cunténnua a preghèr só la tåmmba d Evita.
“No llores por mi Argentina” la canta un’artéssta
par cumôver in st’mänter ch’i mâgnen na móccia ed turéssta.
Ed cla nòt argenténna a m arcôrd “Buenos Aires querida”,
un capèl ed travêrs e una cécca stramèz a dåu dîda.
Pôca zänt par la strè, al piuvêva e an se vdêva pió inción
mo luntàn as sintêva rujèr un bandoneón.

Buenos Aires

Mi torna in mente una musica dolce e una voce assassina,
con i pianti del violino e del bandoneon in una notte argentina.
Un’orchestra fantasma in una nuvola di tabacco suonava nascosta,
ballerini che parevano volare svelti e leggeri come gatti.
Con la brace della sigaretta che ormai mi bruciava due dita
ascoltavo quella voce che cantava “Buenos Aires querida”.
Una canzone d’amore e passione,
una specie di dichiarazione,
così bella non l’ha scritta mai nessuno
e ruggiva quel bandoneon.
Buenos Aires, profumo di Parigi sul Rio de la Plata,
bella donna con una scarpa di vernice e una vecchia ciabatta.
Caminito è solo una balla per chi viene da lontano
e Gardèl continua ad incantare con i suoi sguardi appassionati.
Quelle mamme in Plaza de Mayo a pretender giustizia,
povere donne invecchiate aspettando uno straccio di notizia,
fazzoletti per ricordare alla gente che non torna nessuno
e par quasi piangere anche un bandoneon.
I binari d’un treno sparito che portavano all’acqua,
una barca arrugginita aspetta di morire alla Boca,
un presepio di casette in lamiere che sembrano uno scherzo,
porte e finestre aperte per sbaglio, son tutte di sghembo.
A San Telmo si ballano i loro tanghi in mezzo a un incrocio,
con facce da galera capaci di adoprare un coltello.
Ballerini coi capelli impomatati,
col cappello e il vestito a righe,
si stringono in tutti gli angoli
e c’è sempre un bandoneon.
Buenos Aires si specchia ridendo nel Rio de la Plata
e la gente continua a pregare sulla tomba di Evita.
“No llores por mi Argentina”, canta un’artista
per commuovere mentre mangiano una squadra di turisti.
Di quella notte argentina mi ricordo “Buenos Aires querida”,
un cappello di traverso e una cicca in mezzo alle dita.
Poca gente per la strada, pioveva e non si vedeva nessuno,
ma lontano si sentiva ruggire un bandoneon.

Torna alla pagina precedente

© 2005 E.F.G. Edizioni Musicali