Tel.0541.630063
HOME
Fausto Carpani
L' Umarén con la bèrba e al capèl

Questa canzone vuole essere un affettuoso ricordo di quel campione di burbera bontà che fu don Olinto Marella, per tutti “padre Marella”.
Lo ricordiamo all’uscita di cinema e teatri, a notte fonda, spesso appisolato nella sua marsina nera.
Quell’Uomo così dimesso nell’aspetto, oltre che grande anima fu anche personalità di grande cultura, studioso ed insegnante al Liceo Galvani di Bologna.
Nativo di Pellestrina, isola della laguna veneta, di famiglia benestante (il padre era medico condotto), nella sua lunga vita conobbe anche il dolore e l’umiliazione
della sospensione “a divinis” per ben diciassette anni.

L' Umarén con la bèrba e al capèl

Fradda la sîra
la zänt la s infîla int i bar
o la sméncia vêrs cà.
Dnänz al teâter
i s fairmen i taxi
col póbblic dla prémma dla Carmen d Bizet.
Bèli tulàtt,
bèla zänt, bèli dòn cârghi d ôr
tótti chèldi int äl plézz,
con al sô sît prenotè
in palcàtt o in platè,
i surîden e tótt ciacarànd nel foyer ...
Fòra dal óss,
såura un scranén,
drî da una clånna
un umarén,
la bèrba bianca,
al capèl arbaltè,
l é la cusiänza
dla nostra zitè.
Ai vén Nadèl,
alé, tótt a fèr spaisa al marchè
par cunprèr quèl ed bån;
int äl pscarî
ai é un féss
ch’al pèr quèsi ch’i vànnden la roba par gnént.
Banc pén d incôsa:
sturténna, turtlén
e a sbindlón un sparvêrs ed capón;
tótt cg’i s adânen
a méttr in äl spôrt
anc di quî furastîr che pò i van strasinè ...
Pròpri lé d banda,
col sô scranén,
in mèz al fradd,
un umarén,
la bèrba bianca,
al sô capèl,
l augûra a tótt
un bån Nadèl ...

L’Omino con la barba e il cappello

Fredda la sera,
la gente s’infila nei bar
o corre verso casa;
davanti al teatro
si fermano i taxi
col pubblico della Carmen di Bizet.
Bei vestiti,
bella gente, belle donne coperte d’oro
calde nelle loro pellicce,
con il posto prenotato
in palco o in platea
sorridono a tutti chiacchierando nel foyer ...
Fuori dalla porta,
sopra un seggiolino,
dietro una colonna,
un Omino,
la barba bianca,
il cappello rovesciato:
è la coscienza
della nostra città.
Arriva Natale,
alé, tutti a far spesa al mercato
per comprare qualcosa di buono;
nelle Pescherie Vecchie
c’è una calca
che pare dìano la roba per niente.
Banchi pieni di tutto:
anguilla marinata, tortellini
e in alto file di capponi appesi;
tutti che si affannano
a mettere nelle sporte
anche cose esotiche che poi verranno sciupate..
Proprio lì accanto,
col suo seggiolino,
in mezzo al freddo,
un Omino,
la barba bianca,
il suo cappello,
augura a tutti
un buon Natale.

Torna alla pagina precedente

© 2005 E.F.G. Edizioni Musicali